Sentenza n. 1395 – 27 settembre 2021 – Sez. Un.- Pres. Ciliberti, Est. Ieva

Il diritto alla genitorialità costringe l’amministrazione a motivare specificamente il diniego alla richiesta di assegnazione provvisoria ad altra sede di servizio.

A fronte della richiesta di assegnazione provvisoria ad altra sede di servizio per genitori con figli minori fino a tre anni, ai sensi dell’art. 42 bis D.Lgs. n. 151/2001, l’Amministrazione militare, in ragione della preminente funzione di tutela dell’interesse alla genitorialità e del correlato interesse del minore a poterne beneficiare, nonché del chiaro disposto normativo (applicabile anche alle amministrazioni dello Stato ad ordinamento militare), che qualifica come residuale il diniego opponibile, deve congruamente individuare nella motivazione del provvedimento i “casi” o le “esigenze eccezionali” che siano tali da dimostrare di riuscire a superare il tendenziale prevalente interesse del fanciullo (art. 3, comma 1, L. n. 176/1991), seppur apprezzando “il particolare stato rivestito” dal militare (art. 1493, comma 1, D.Lgs. n. 66/2010).

Sentenza 1395 – 2021 (qui)

Sentenza impugnata con ricorso n. 9644/2021 pendente dinanzi alla seconda sezione del Consiglio di Stato. C.C. del 7 dicembre 2021

Pinacoteca Città Metropolitana “Corrado Giaquinto

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp

Tag

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Puoi usare questi tags e attributi HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Ultimi aggiornamenti

Galleria